logo museoleonardiano vinci
Press releases
Here you can find press releases published by the Leonardo Museum. To download the Press Kit and photographic material, log in to the restricted Press Kit area.

 

  • Leonardo a Vinci. Alle origini del Genio
    PUBLISHED ON: 2019/04/10
    L'esposizione, curata da Roberta Barsanti, direttrice del Museo Leonardiano e della Biblioteca Leonardiana di Vinci e organizzata grazie alla collaborazione delle Gallerie degli Uffizi, ha ottenuto il prestigioso riconoscimento dell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica. L'esposizione vanta inoltre il significativo Patrocinio e il cofinanziamento del Comitato Nazionale per le Celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci.
  • Leonardo a Vinci. Alle origini del Genio
    PUBLISHED ON: 2019/03/21
    On loan to the Museo Leonardiano for the first six weeks of the exhibition, this youthful work constitutes a kind of palimpsest for all of Leonardo’s future output, and acts as a centre piece for the exhibition.

    The element of water, which we find in the landscape drawing and which Leonardo investigated with interest through out his life, is conjured up here by models of paddle boats and water-powered machines, and articulated through the presentation of studies for a navigable canal linking Florence to the sea. The scientist’s wish to regulate and exploit water also prompted an examination of his less well-known projects for the Vinci area, reconstructed through fascinating video mapping. These studies, supported by other notes from surviving documents, show how Leonardo’s ties with and time in Vinci were not limited to his childhood and youth, but continued into his adult life, perhaps precisely during the period in which Leonardo was in the area to work on the more demanding project to deviate the course of the river Arno.

    Was the view inspired by places associated with his birthplace, the depiction of a constantly evolving nature or an ideal landscape dense with meanings that are difficult to interpret? Engaging multimedia installations help to set out the different interpretations of the celebrated landscape drawing. In it can be found fascinating resemblances to settings in the Montalbano hills, which Leonardo certainly knew well from his childhood, while at the same time there are also figurative elements that recur in other drawings and paintings from the period. The density of the air on a summer’s day, the rocks, the profiles of mountains, and the water, so evident in the central part of the drawing, recall many other studies by Leonardo of the natural elements, especially fossils, a symbol of the change and revolution that nature undergoes.

    Early biographic events in Leonardo’s life, from his birth in Vinci to his training in Renaissance Florence, and the artist’s indissoluble tie with his land of origin, are recounted in an innovative and immersive exhibition room. Starting with fascinating details that emerge from archive documents, and with the aid of an installation that seamlessly combines sounds and images, theexhibits trace the events that attest to Leonardo’s presence in Vinci. The historyof the Da Vinci family, hypotheses about the identity of his mother Caterina,Leonardo’s relationship with his uncle Francesco and his first abacus studiesare all outlined in this fascinating account.

    The Landscape drawing and the documents on loan from the State Archive, the real highlights of the exhibition, are on display in the imposing Sala del Podestà, which for centuries was the seat of government in Vinci. Here visitors will also be able to admire the verso (back) of Leonardo’s celebrated drawing, which has never before been on public display, and explore every detail of the work thanks to a very high-resolution 3D rendering of the image that can be consulted with a touch screen produced in conjunction with the Università Alma Mater of Bologna.

    Finally, with the fascinating insights offered by the landscape drawing still fresh in their minds, visitors can climb up to the panoramic terrace in the tower of the Castello dei Conti Guidi and take in an extraordinary all-round view of the Montalbano hills, the lower Valdarno and the Valdinievole. Seeing the actual landscape, still so similar to what it would have been like five centuries ago, and the elements that may have inspired Leonardo’s work, is a perfect way to round off this experience of the origins of the great genius.


    Vinci forLeonardo

    To mark the five hundredth anniversary of Leonardo’s death, the town of Vinci pays tribute to its most illustrious son with an extensive programme of initiatives and events entitled “Vinci for Leonardo”. It comprises over 100 events ranging from meetings with leading Leonardo scholars, who will be in Vinci at monthly intervals, to exhibitions, shows, concerts and a variety of other activities organized by local bodies.


    Leonardo2019 in the Empolese Valdelsa area

    In the Empolese Valdelsa area, the anniversary of the death of the genius who was born and lived in the area, and returned on various occasions,represents a unique opportunity to organize a series of top-flight cultural initiatives which in different ways revolve around the figure of Leonardo and the theme of landscape. These focus on such things as Leonardo’s artistic legacy as found in the output of Pontormo (born in Empoli and one of the best-known Tuscan mannerist painters), the fascinating devotional landscapes that emerged in Catholic Europe in the years straddling the fifteenth and sixteenth centuries, and aspects associated with the theme of flight, through naturalistic studies from Pisanello to Leonardo. Exhibition events will be held in many municipalities in the Empolese Valdelsa area through out the second half of 2019.


    Tourist itineraries: Leonardo da Vinci. Nelle terre del Genio

    Thanks to support from the Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze, between April and July it will be possible to follow in Leonardo’s footsteps and visit the exhibitions in the Empolese Valdelsa area as part of the “Leonardo, sulle tracce del Genio” tourist itineraries. To make it easier to enjoy these guided trails, designed to give visitors a chance to explore places associated with Leonardo, and other programmed events and experiences, a free shuttle, the Leonardo Bus, will run from Florence and Vinci on Saturdays and Sundays.


  • Leonardo 2019: omaggio al Genio con un ricco calendario di eventi
    PUBLISHED ON: 2019/01/26
    Stamani il sindaco di Vinci, Giuseppe Torchia, insieme all'assessore comunale alla Cultura, Paolo santini, alla direttrice del Museo e della Biblioteca Leonardiani, Roberta Barsanti, e alla responsabile della Biblioteca Leonardiana, Monica Taddei, hanno presentato ufficialmente il programma completo delle iniziative, frutto dell'impegno e del grande lavoro messo in campo dalla macchina comunale, che consentirà alla città vinciana di essere tra le grandi protagoniste a livello internazionale in questo anno di celebrazioni.
     
    Inoltre, è stato presentato anche il nuovo logo delle Celebrazioni di Vinci, semplice ma evocativo, affiancato dallo stemma del Comune, in cui sono già evidenti gli elementi leonardiani. Come ha spiegato Santini, infatti, “Leonardo è già presente nello stemma del Comune, con i colori rosso e giallo che sono appunto i colori della famiglia da Vinci. Per lo sfondo del calendario abbiamo scelto un documento significativo: il protocollo notarile con il quale il nonno Antonio annotò la nascita di Leonardo. Un documento che è stato a Vinci e che ora finalmente ritorna”.
     
     
    Studiosi leonardiani
    Un anno che vedrà passare da Vinci i più illustri studiosi del Genio che lasceranno tracce indelebili nel percorso di comprensione dell’opera, davvero senza eguali, del Vinciano. Tra questi Paolo Galluzzi, Marzia Faietti, Pietro Cesare Marani, Maria Teresa Fiorio, Alessandro Nova, Carlo Ossola, Paola Salvi, Domenico Laurenza, Mario Scalini, Francesco Paolo Di Teodoro, che presenteranno i propri studi e ricerche sul Vinciano. E ci sarà anche il professor Carlo Vecce, a cui è stata affidata la Lettura Vinciana, un appuntamento di grande interesse culturale e scientifico, che da quasi 60 anni documenta le tendenze fondamentali e dà voce ai protagonisti principali degli studi leonardiani. Vecce terrà la propria conferenza sul tema suggestivo di “Leonardo e il tempo”.
     
    “Si tratta di un calendario decisamente importante per le attività del Museo e della Biblioteca - ha affermato Barsanti - che vede anche la partecipazione di studiosi di fama internazionale. Le istituzioni vinciane proseguono, dunque, nella loro attività di approfondimento e divulgazione delle opere di Leonardo. La nostra città si conferma come crocevia in cui si incontrano e si confrontano studiosi di diverse discipline. Approfondimenti che daranno conto della sua multidisciplinarietà e della sua figura poliedrica, e che affronteranno un ventaglio di tematiche sinora poco discusse. Nel 2020 le conferenze degli studiosi che ospiteremo troveranno esito in un volume della collana della Biblioteca Leonardiana”.
     
     
    All'origine del Genio
    Il momento clou delle Celebrazioni sarà il 15 aprile, giorno di nascita di Leonardo, quando, grazie alla collaborazione con le Gallerie degli Uffizi di Firenze,  arriverà in prestito il “Paesaggio”, il primo disegno datato attribuito all'artista e scienziato. La preziosa opera, già identificata come la veduta del Valdarno Inferiore e della Valdinievole, sarà esposta presso il Museo Leonardiano fino al 15 ottobre 2019 all'interno della mostra “Leonardo da Vinci. All'origine del Genio”.
     
    “Il paesaggio - ha sottolineato il sindaco - è strettamente legato al rapporto con il territorio, ed è fondamentale per Vinci perché ciò che vi è tratteggiato è parte di quello che ancora oggi si può osservare affacciandosi dalla Rocca dei Conti Guidi. Volgendo lo sguardo verso ovest, infatti, si possono riconoscere i lineamenti morfologici del nostro territorio, in particolare il Padule di Fucecchio e il colle di Monsummano”.
     
    “La scelta del 15 aprile per l'inaugurazione della mostra è stata fatta per ribadire come Vinci sia la città indissolubilmente legata alla sua nascita e quindi per rinsaldare ulteriormente il rapporto di Leonardo con la sua città natale - ha aggiunto Barsanti - Faremo luce su alcuni aspetti significativi dell'infanzia e della prima giovinezza di Leonardo, approfondendo i suoi interessi artistici e scientifici, le cui prime tracce sono proprio qui a Vinci”.
     
    Da questa prima opera, da Leonardo stesso datata 5 agosto 1473, si dipana il percorso espositivo incentrato proprio sul paesaggio e sulle prime vicende biografiche del Vinciano, che si ripercorrono attraverso significativi documenti dell'epoca rinascimentale, in prestito dall’Archivio di Stato di Firenze, che raccontano la permanenza ed i ritorni di Leonardo nella sua terra d’origine. Il Comune tributa, dunque, i dovuti onori al suo figlio più prestigioso, riconosciuto come il più grande genio dell'umanità, e lo fa nel migliore dei modi per un anno che sarà ricordato a lungo.
     
    “Il certificato di nascita è un atto importantissimo per la città perché è il primo documento che lega Leonardo alle sue origini - ha spiegato ancora Torchia - In esso sono riportate anche tutte le persone che parteciparono al battesimo di Leonardo, che si è tenuto qui nella chiesa di Santa Croce, dove c'è il fonte battesimale”.
     
    Nuove pubblicazioni
    Nell’anno del cinquecentenario della sua morte, la Biblioteca Leonardiana propone, inoltre, tre nuovi volumi della propria collana “Biblioteca Leonardiana. Studi e Documenti”: “Glossario leonardiano. Nomenclatura dell’anatomia nei disegni della Collezione reale di Windsor”, ”Leonardo in Britain: collections and Historical Reception”, “La Sala grande e la Battaglia di Anghiari di Leonardo da Vinci. La configurazione architettonica e l'apparato decorativo dalla fine del Quattrocento ad oggi”. Frutto dell’attività di ricerca a livello internazionale della Biblioteca, le pubblicazioni affrontano tematiche inedite o meno conosciute dell’opera e della produzione leonardiana.
     
    “Con il glossario concludiamo uno studio sull'anatomia durato anni e iniziato da Romano Nanni - ha evidenziato Torchia - Un lavoro che ha prodotto una sezione permanente all'interno del Museo, inaugurata nel 2016, e che è stato oggetto di ulteriori approfondimenti dal punto di vista scientifico. Il glossario sarà un riferimento per tutti gli studiosi di anatomia di oggi, che potranno ora consultare il grande lavoro fatto da Leonardo in questo campo”.
     
     
    Multidisciplinarietà
    Le celebrazioni del 2019 saranno una grande occasione di promozione culturale e turistica per Vinci e per questo è stato realizzato un calendario multidisciplinare, che abbraccia tutte le branche del sapere studiate e approfondite dal Vinciano, che è stato prima di tutto un pittore, ma anche un architetto, anatomista, geologo, astronomo, ingegnere.
     
    Ecco perché la sua figura è stata declinata con iniziative molto diverse tra di loro ma accomunate da un obiettivo specifico: approfondire e conoscere in tutti i suoi aspetti la figura complessa e poliedrica di Leonardo da Vinci.
     
    Ci saranno naturalmente anche tante iniziative rivolte al pubblico giovanile, con numerosi laboratori, tra cui spicca la presentazione del volume speciale di Geronimo Stilton, “Il segreto di Leonardo”. Inoltre, il Museo Leonardiano sarà presente in altre città italiane con il prestito dei tanti modelli di macchine leonardiane esposti nelle sale dell’istituto vinciano. E poi ci saranno cinque mostre sul territorio dell’Unione dei Comuni dell’Empolese Valdelsa, in quei beni culturali legati alla figura di Leonardo.
     
    Da segnalare, poi, i grandi eventi sportivi di richiamo internazionale come il Giro d'Italia e la Mille Miglia che passeranno da Vinci per omaggiare Leonardo. Un'occasione unica per promuovere il territorio, con ancora più incisività, oltre i confini nazionali. E poi ci saranno concerti, spettacoli teatrali, feste popolari, tutti eventi legati tra di loro dal fil rouge leonardiano.
     
    Saranno migliaia le persone coinvolte, non da ultime gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado, del territorio dell'Unione dei Comuni, e poi musei e istituzioni culturali con cui l'Amministrazione comunale guidata dal sindaco Torchia ha siglato protocolli d'intesa e accordi.
     
    Tutto questo grazie anche al contributo fondamentale del Comitato nazionale per le Celebrazioni, in cui naturalmente è presente anche Vinci, e del Comitato dell'Unione dei Comuni dell'Empolese Valdelsa, istituito quest'ultimo per divulgare l'opera leonardiana nell'intera area e promuovere le emergenze artistiche, e culturali più in generale, del territorio compreso negli 11 comuni dell'Unione.
     
    Le associazioni
    E non finisce qui: la prossima settimana, infatti, sarà presentato il calendario con tutte le iniziative organizzate dalle associazioni vinciane e patrocinate dall'Amministrazione comunale, che andranno ad arricchire ulteriormente il già intenso programma delle Celebrazioni 2019 predisposto dal Comune.
     
    “Sarà per noi un anno irripetibile - ha annunciato Santini - Con appuntamenti di altissimo livello scientifico, importantissimi approfondimenti e nuove pubblicazioni, come il glossario sull'anatomia, frutto del lavoro certosino e accuratissimo della Biblioteca Leonardiana. E poi presenteremo centinaia di documenti, con notizie assolutamente inedite su Leonardo e le sue origini. Il risultato di questi appuntamenti saranno in seguito la base sulla quale costruiremo le future nuove esposizioni museali”.
  • Il percorso culturale dedicato a Leonardo da Vinci nella sua città natale
    PUBLISHED ON: 2018/07/02
    Leonardo nacque a Vinci il 15 aprile 1452, figlio naturale del notaio Ser Piero da Vinci e di una ragazza di nome Caterina. Nella terra natale Leonardo trascorse la sua infanzia e giovinezza e pose le basi della sua futura attività di artista, scienziato e ingegnere. Dalla sua terra d’origine caratterizzata, ieri come oggi, dal suggestivo paesaggio collinare del Montalbano, con vigneti, oliveti e boschi, ricevette la prima ispirazione per i suoi studi e ricerche, basandosi sempre sull’osservazione della natura, che era solito chiamare maestra de’maestri.
  • Leonardo and his painting
    PUBLISHED ON: 2018/06/12
    A metà strada tra Vinci e Anchiano, ospitata all’interno della storica Villa del Ferrale, la nuova sezione espositiva del Museo Leonardiano riunisce in un’unica sede le riproduzioni di tutti i dipinti e di alcuni tra i più significativi disegni realizzati da Leonardo da Vinci.

    Dalla raffigurazione della Vergine delle Rocce all’emblematica Dama con l’ermellino, dalla celeberrima Monna Lisa al monumentale Cenacolo, il percorso consente di apprezzare 21 copie delle opere di Leonardo, realizzate ad altissima definizione e a grandezza naturale, grazie  ad una innovativa tecnologia di acquisizione e riproduzione delle immagini che le rende identiche ai capolavori originali, oggi conservati in musei e collezioni anche molto distanti tra loro.

    In questa affascinante visione d’insieme del percorso pittorico del Vinciano, le riproduzioni delle opere si alternano ad installazioni didattiche e video esplicativi che propongono interessanti spunti di approfondimento, anche su tematiche affrontate da Leonardo in relazione alla pittura, come lo studio della prospettiva nonché delle luci e delle ombre. Partendo dall’innegabile suggestione evocativa delle immagini, alle informazioni tecniche sui dipinti sono stati infine affiancati brevi testi di carattere narrativo, al fine di suscitare negli osservatori nuovi stimolanti punti di vista, invitando così ad una rilettura personale delle opere stesse. La mostra è a cura del Settore 5 - Attività culturali del Comune di Vinci e l’allestimento realizzato da Opera Laboratori  Fiorentini – S.p.A.Gruppo Civita.

    “Un’esposizione assolutamente innovativa - ha affermato soddisfatto l’assessore alla cultura del comune di Vinci Paolo Santini - che viene finalmente ad arricchire in maniera completa l’offerta museale a Vinci. La collezione - segnaliamo la monumentale riproduzione del Cenacolo vinciano, con oltre 40 metri quadrati di pittura - è il frutto di un lavoro fatto da professionisti di assoluto valore in collaborazione con il Museo Leonardiano, che ha curato l’allestimento e le didascalie descrittive. L’acquisto da parte del Comune di Vinci della collezione di queste 21 opere fa parte di un programma importante di investimenti che mirano a rafforzare la gamma dell’offerta culturale e museale vinciana, anche in vista del significativo anniversario del quinto centenario della morte del Genio che cadrà nel 2019. La novità stavolta è che l’esposizione rimarrà di proprietà del Comune di Vinci, che potrà pensare in futuro ad ampliarla con ulteriori acquisizioni e magari ad allargarla anche ad altre collocazioni. Con l’acquisizione delle immagini in altissima definizione - ha proseguito Santini- dagli istituti culturali che le conservano, dalle Gallerie degli Uffizi al Louvre, alla National Gallery di Londra e tante altre, sono stati acquisiti anche i dettagli meno visibili ma determinanti, con un pregevole lavoro di acquisizione sulle scale cromatiche direttamente sulle opere originali assolutamente straordinario, che ha permesso di riprodurre le immagini con una perfezione assoluta anche dal punto di vista della resa dell’autenticità del colore. Si amplia notevolmente in questo modo - ha concluso Santini - il percorso di visita alla scoperta di Leonardo a Vinci, con una mostra permanente ospitata in una location suggestiva di grande importanza storica, la villa del Ferrale, ubicata proprio lungo la strada che da Vinci conduce alla Casa natale di Leonardo ad Anchiano e a due passi dalla strada verde”.

    La tecnologia delle riproduzioni ad altissima risoluzione

    Le riproduzioni presentate in questa sezione“Leonardo e la Pittura” sono realizzate da Haltadefinizione®, facente parte delgruppo Franco Cosimo Panini Editore, specializzata nell’acquisizione fotografica ad altissima definizione (gigapixel) e nella realizzazione di riproduzioni di opere d’arte: copie perfette in ogni dettaglio, dalla resa cromatica agli ori e fino, in alcuni casi, alla tridimensionalità delle singole pennellate. Haltadefinizione® vanta una consolidata esperienza nel settore dei Beni Culturali ed è oggi punto di riferimento per Soprintendenze, Musei edIstituzioni.


     

    Inaugurazione:

    12 giugno, ore 18

    A seguire brindisi offerto dal Consorzio LeColline di Vinci Leonardo e la pittura Villa del Ferrale, via di Anchiano, 1650059 Vinci (FI)

    Orario di apertura:

    Marzo - Ottobre: tutti i giorni, ore 10.30 - 19.30

    Novembre - Febbraio: tutti i giorni, ore 10.30- 17.30

    Le aperture potranno variare in occasionedelle chiusure straordinarie della Villa il Ferrale

    Ingresso:

    L'accesso alla sezione espositiva è compreso nel biglietto del percorso museale leonardiano, acquistabile esclusivamente presso la Casa Natale di Leonardo e il Museo Leonardiano di Vinci. Parzialmente accessibile ai disabili motori.

    Informazioni:

    Ufficio Turistico di Vinci

    tel 0571 933285

    info@museoleonardiano.it

    www.museoleonardiano.it

  • Enigmi, giochi notturni e “visite impossibili”: a Vinci è Amico Museo
    PUBLISHED ON: 2018/05/15

    Come ogni anno, il Comune di Vinci aderisce ad“Amico Museo”, la manifestazione della Regione Toscana, ideata peravvicinare il pubblico al patrimonio culturale presente sul territorio regionale, che si svolge dal 18 maggio al 3 giugno. Anche il Museo Leonardiano, dunque, aprirà le porte a visite guidate, esposizioni straordinarie e laboratori per bambini. Il tema proposto quest' anno da Amico Museo è “Musei e cittadinanza: la comunità locale diventa protagonista”. Apre il calendario il 19 maggio un'iniziativa divertente, “DaVinci by night”, il gioco in notturna per le sale del Museo, aperte in esclusiva per i partecipanti. Inoltre, all’ interno del programma sono previste alcune iniziative organizzate in collaborazione con il Mus.e Firenze, nell’ambito del tema “Musei interconnessi”, proposto da Amico Museo 2018. L'associazione Mus.e di Firenze proporrà a Vinci l’apprezzatissima “visita impossibile” di Giorgio Vasari, solitamente svolta a Palazzo Vecchio, che per l'occasione sarà a Vinci per raccontare il “suo” Leonardo. Il Museo Leonardiano, invece, porterà lo sguardo di Leonardo a Palazzo Vecchio con un'attività che farà immedesimare i ragazzi nei panni del grande artista, scienziato e ingegnere. Ecco il programma completo:

    SABATO 19 MAGGIO

    La notte dei musei

    Apertura straordinaria gratuita del Museo Leonardiano dalle ore 19.00 alle 23.30

    Dalle 21.30 accesso riservato ai partecipanti al Da Vinci by night

    Ore 21.30 - Museo Leonardiano

    Da Vinci by night

    Un gioco a porte chiuse al Museo Leonardiano

    Per la Notte dei Musei, un divertente gioco in notturna per le sale del Museo Leonardiano aperte in esclusiva per i partecipanti. Indizi, enigmi e prove di abilità per scoprire Leonardo e le sue invenzioni dopo l’orario di chiusura del Museo.

    Numero massimo di partecipanti: 40

    Prenotazione obbligatoria entro il 18.05.2018

    tel 0571 933285 / info@museoleonardiano.it

    target: per tutti

  • L’erede di Francesco Melzi, allievo di Leonardo, ospite a Vinci
    PUBLISHED ON: 2018/04/18

    Un appuntamento da non perdere, per tutti gli appassionati di Leonardo e non solo, è quello di sabato 21 aprile in Biblioteca Leonardiana alle ore 10.30, con il professor Gianlodovico Melzi D’Eril, erede di Francesco Melzi, che fu allievo di Leonardo. Nel corso dell'iniziativa “I Codici di Leonardo: un'occasione perduta”, organizzata nell’ambito delle Celebrazioni Leonardiane 2018, il docente dell' Università di Milano introdurrà alla storia dei manoscritti vinciani che per secoli furono custoditi nella villa di famiglia a Vaprio D’ Adda, prima della loro dispersione.

    Gianlodovico Melzi D’Eril ha svolto la sua carriera prima in ambito ospedaliero, fino al ruolo di primario presso l’IRCCS Istituto C. Mondino di Pavia, e quindi in ambito universitario, prima presso l’Ateneo di Pavia, poi presso quello dell’ Insubria a Varese, e infine come professore ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica presso l’Università Statale di Milano, fino all’ anno accademico 2011-2012.

    E’ stato anche direttore della Scuola di specializzazione in Biochimica clinica e del Laboratorio di analisi dell’ Ospedale di Circolo di Varese e dell’ Ospedale San Paolo di Milano. Attualmente è professore a contratto presso l’Università degli Studi di Milano. È autore di circa 350 pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali. È socio del Rotary Club Pavia Minerva di Pavia dal 1983.


    “Potremmo definire quella di sabato mattina in Biblioteca Leonardiana una seconda Lettura Vinciana dell' anno in corso - commenta l’ assessore alla Cultura del Comune di Vinci, Paolo Santini - Il tema è molto stimolante e poter avere il professor Melzi d' Eril a tenere la relazione sui manoscritti di Leonardo che il suo avo Francesco Melzi, uno degli allievi più cari allo stesso Leonardo, ereditò dal Vinciano e custodì a lungo nella villa di famiglia a Vaprio d'Adda, è un' occasione più unica che rara".


  • Il paesaggio protagonista delle Celebrazioni Leonardiane del 2019
    PUBLISHED ON: 2018/04/16

    È stata pertanto accolta la richiesta del Museo di anticipare la data del prestito dell’opera, previsto inizialmente dal 5 agosto 2019 in riferimento alla data apposta sul disegno, 5 agosto 1473, al 15 aprile 2019, anniversario della nascita di Leonardo a Vinci. La città da decenni celebra questa ricorrenza con un ricco calendario di eventi e di iniziative dedicate al suo figlio più illustre, fra cui la Lettura Vinciana che quest’anno giunge alla sua 58° edizione.

    Il cambio della data fa sì che l’esposizione diventi il fulcro di un articolato e variegato programma di iniziative che vede anche il coinvolgimento dei Comuni dell’ Unione dei Comuni del Circondario Empolese-Valdelsa e in particolare delle scuole di ogni ordine e grado dell’ intero comprensorio. Il tema del paesaggio, declinato secondo particolari percorsi di ricerca, costituirà infatti uno degli elementi portanti delle celebrazioni vinciane del 2019 sul territorio dell’Empolese Valdelsa.

    Il disegno sarà quindi esposto per un periodo di sei settimane nell’ambito di una mostra che vede anche il significativo coinvolgimento dell’Archivio di Stato di Firenze, con il prestito di importanti documenti. La mostra rimarrà aperta per sei mesi all’interno della prestigiosa Sala del Podestà nel Castello dei Conti Guidi.

    Il progetto riguarda, quindi, un vasto comprensorio di undici Comuni che trova nel binomio Leonardo - paesaggio una forte connotazione identitaria. E’ infatti esattamente in questi luoghi che Leonardo sviluppò una quantità di esperienze tecnico-scientifiche e artistiche, dalle prime osservazioni geo-paleontologiche condotte nelle aree collinari comprese tra Vinci e San Miniato, agli studi perprogetti idraulici che diedero luogo alle prime rappresentazioni cartografiche del Valdarno oppure alle raffigurazioni artistiche dei diversi ambienti di questi territori.

    Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, dichiara: “la collaborazione virtuosa con il territorio segue i principi  dello Statuto delle Gallerie, che da tempo apre le sue collezioni alle istituzioni toscane e non solo, per diffondere cultura e conoscenza. Il disegno di Leonardo, esemplare di importanza universale e punta di diamante delle raccolte fiorentine, tanto da essere comunemente denominato negli studi “8P” secondo la sua collocazione al Gabinetto Disegni e Stampe, è stato concesso in prestito in nome di questo progetto di solidarietà, ma non solo: l’opera del sommo artista vede infatti un’ altissima concentrazione proprio agli Uffizi, ed è giusto che Firenze offra questa opportunità sensazionale alla città che gli ha dato i natali”.

     “Siamo soddisfatti ed orgogliosi di poter annunciare ufficialmente, grazie alla disponibilità delle Gallerie degliUffizi, al direttore dottor Eike Schmidt ed alla direttrice del Gabinetto disegni e stampe dr.ssa Marzia Faietti, - ha affermato l’assessore alla cultura del comune di Vinci Paolo Santini - che il primo disegno conosciuto di Leonardo da Vinci datato 1473 e raffigurante i luoghi leonardiani per eccellenza, la Valdinievole e il Montalbano con il padule di Fucecchio, arriverà e  sarà in mostra a Vinci a partire dal 15 aprile del 2019, data dall’ alto valore simbolico in cui  ricorre l’anniversario della nascita; anche se le celebrazioni riguarderanno il quinto centenario della morte, avvenuta il 2 maggio del 1519, per Leonardo sarà un po’ come tornare a Vinci dopo oltre cinque secoli, visto che mai prima d’ora un originale del Genio era stato esposto nel suo luogo d’origine. D’ accordo con le Gallerie degli Uffizi, è sembrata questa la data più significativa per dare avvio all’esposizione, garantendo in tal modo a chiunque lo voglia di poter ammirare il disegno di paesaggio ed i documenti provenienti dall’ archivio distato di Firenze riguardanti il periodo vinciano di Leonardo in uno scenario incomparabile, la Sala del Podestà del castello dei conti Guidi. Così facendo,- altro motivo di soddisfazione - anche le scuole di ogni ordine e grado potranno programmare la visita degli studenti in largo anticipo, visto che il periodo di esposizione ricadrà nel calendario dell’anno scolastico”.

    La direttrice del Museo Leonardiano, Roberta Barsanti, dichiara: “Ringrazio il direttore Eike Schmidt e la dottoressa Marzia Faietti per aver accettato di anticipare il prestito del disegno di Paesaggio, condividendo l’ esigenza di favorire, in particolare, la visita alla mostra da parte della popolazione e delle scolaresche del territorio. Ospitare l’ esposizione di uno dei disegni più noti di Leonardo insieme a significativi documenti dell’Archivio di Stato di Firenze, già a partire dal mese di aprile, rappresenta un’ importante occasione anche per favorire la fruizione del museo e la visita alla città di Vinci in un periodo di media stagione turistica, con tutte le possibili e auspicabili ricadute positive sul territorio”.

LEGGI ANCORA
SEGUICI SU